CARICAMENTO

Cerca

Interviste

BitInterviews #4: Daniele Pregnolato!

Condividi
AMA con Daniele Pregnolato, CEO di Tinklit

#BitInterviews

Di seguito puoi trovare la quarta intervista completa che si è tenuta Mercoledì 29 Maggio 2019. Non perderti la prossima, entra subito nel nostro gruppo!

Chi abbiamo intervistato? Daniele Pregnolato, CEO di Tinklit e fondatore di Bitcoin Bologna, Bitcoin Rovigo e co-fondatore della Bitcoin Foundation Italia.

daniele pregnolato tinklit

Redazione
Direi che siamo tutti pronti per partire con la quarta intervista di BitCultura!
Stasera come abbiamo annunciato avremo l’onore di ospitare nella nostra chat @danielepregnolato.

Intervistare un imprenditore Bitcoin è un’occasione secondo noi unica e speciale.
Comincerei proprio così questa intervista: presentati e spiegaci un po’ cosa fai nella vita!

Daniele Pregnolato
Buonasera, è un piacere poter raccontare la mia esperienza nel mondo Bitcoin.

Il primo contatto con questo alieno, all’epoca sconosciuto, l’ho avuto nel 2011 e, devo ammettere, come molti inizialmente ne ho sottovalutato il potenziale. In quei primi anni il materiale online era scarso e di difficile comprensione, e la community ancora molto rarefatta.

Nel 2013, rileggendo qualche articolo, decido di rimettermi a studiare, e da allora non mi sono mai fermato. Oggi sono il responsabile di tinkl.it (http://tinkl.it/), processore di pagamenti bitcoin italiano, ma più che “addetto ai lavori” preferisco definirmi un divulgatore.

Gli anni dal 2013 ad oggi, spesi per cercare di aggregare la community italiana, sono stati molto intensi, a volte anche difficili. Credo che, con l’aiuto di mentori e compagni di viaggio straordinari, il risultato sia stato raggiunto ed oggi la vera resilienza dell’ecosistema sia proprio nelle persone.

Redazione
Concordo sull’importanza di aggregazione e della creazione di community!
Tinklit e le community Bitcoin sono infatti i tuoi due principali traguardi raggiunti in questi anni. Come ti sei avvicinato a Bitcoin? Prima Bitcoin Bologna, poi la Bitcoin Foundation Italia, ora sei membro attivo di Bitcoin Rovigo. Ricordiamo a tutti che al primo evento Bolognese, nel 2013, eravate in 3: il numero di partecipanti aumenta costantemente o resta stabile?

Daniele Pregnolato
Nella primavera del 2013 mi accorgo, in ritardo, che esisteva su bitcointalk.org una community italiana dislocata ma piuttosto attiva e competente.

Nell’estate dello stesso anno iniziamo ad organizzare un “meetup” a Bologna, ci abbiamo messo davvero tanto, ed il risultato è stato straordinario: 3 persone e paradossalmente nessuno di Bologna 😅.

Incontro fondamentale, li ho capito che Bitcoin sarebbe andato avanti da solo, ma se le persone avessero preso consapevolezza, bè, lo sviluppo sarebbe stato molto più rapido. Oggi la partecipazione è certamente maggiore, ma sappiamo quanto questa sia influenzata dall’andamento dei mercati speculativi.

Oggi sul Meetup di Bologna contiamo quasi 1000 iscritti e il neonato Meetup di Rovigo ha già organizzato alcuni incontri molto interessanti e partecipati, ma ricordo anche i gruppi di Vicenza, Verona e Venezia, sempre molto attivi.

Redazione
Ottima analisi: i meetup del Triveneto sono particolarmente attivi e qui in chat ne abbiamo l’esempio con @Doc557 @Cottoncripto @BTCVeneto e tanti altri organizzatori!
E Tinklit, è nata proprio per velocizzare questo sviluppo? Com’è nata Tinklit? Qual è il rapporto con TheRockTrading, altra pietra miliare nel settore Bitcoin in Italia?

Daniele Pregnolato
Tinkl.it è stata sviluppata nel 2014 dallo stesso team che ha sviluppato TRT. Cinque anni fa i tempi per un processore di pagamenti erano certamente immaturi, ma sappiamo che anche TRT nel 2011 era una piattaforma in anticipo sui tempi. Oggi Bitpay dichiara 1 billion di $ di transazioni e conosciamo bene i volumi generati dagli exchange. tinkl.it (http://tinkl.it/) dall’estate scorsa ha cambiato ritmo, costituendosi come società indipendente, facente sempre parte del gruppo di TRT, ricevendo le giuste attenzioni e risorse per migliorare un servizio che a nostro avviso sarà fondamentale per l’adoption.

Redazione
Numeri incredibili.
Tinklit libera i commercianti dalle difficoltà nell’accettare pagamenti in Bitcoin; quanto è stato difficile aprire un’azienda in un settore completamente nuovo e poco regolamentato?

Daniele Pregnolato
Il background tecnico ed ammistrativo di TRT ci ha permesso di partire con basi già molto solide. Oggi la parte di sviluppo tecnologico è paradossalmente la meno complicata. La sfida che affrontiamo tutti i giorni è più che altro di tipo normativo/burocratica. Per precisa scelta aziendale non accettiamo compromessi sugli aspetti legali (politica che oggi ha portato TRT ad essere il più longevo exchange crypto al mondo), e questo viene percepito molto positivamente dalle aziende e dai professionisti che scelgono di utilizzare i nostri servizi.

Redazione
Questo sicuramente aumenta la fiducia verso i vostri servizi.
Parliamo di Bitcoin. Lightning Network è molto probabilmente il progetto su cui sono concentrati più sviluppatori e studiosi Bitcoin. Come influenzerà Tinklit? Come vi ponete nei confronti di Lightning Network?

Daniele Pregnolato
Stiamo continuamente testando e sondando le nuove tecnologie in arrivo, Lightning Network compreso. Certamente le possibilità che verranno offerte dal miglioramento delle tecnologie attuali saranno di supporto per migliorare la facilità d’uso di bitcoin come strumento di pagamento. Quando i tempi saranno maturi lo integreremo.

Redazione
La tecnologia evolve molto velocemente. La burocrazia non è esattamente così veloce..
Dal punto di vista fiscale come vi siete mossi con Tinklit? Vi è sembrato che la burocrazia italiana avesse difficoltà a capire come muoversi con le crypto? Vi hanno creato problemi in qualche occasione?

Daniele Pregnolato
No, gli aspetti fiscali per il nostro modello di business sono ben chiari e delineati. Gliorgani di vigilanza e gli istituti bancari e di pagamento con i quali collaboriamo sono sempre molto cauti e intransigenti sugli aspetti AML. Il nostro gruppo sta facendo un po’ da apripista in tal senso, anche con il supporto del consorzio cryptovalues.eu di cui tinkl.it fa parte. È faticoso, ma premiante per chi lavora bene, seguendo le normative vigenti (ed anticipando le future!), evitando inutili attacchi verso “il sistema”.

Redazione
Daniele, io ho una domanda più “filosofica”. Molto spesso quando parliamo di crittografia, parliamo di aspetti tecnici e a volte si perde di vista la big picture che è altrettanto interessante, specialmente nel caso di una tecnologia che si definisce dirompente. Come definiresti Bitcoin e secondo te esiste una differenza tra il concetto di Bitcoin ai suoi esordi e l’evoluzione invece che il concetto ha avuto in questi anni?

Daniele Pregnolato
Non credo che la filosofia di base sia stata toccata dalle evoluzioni dell’ecosistema. I puristi e i crypto anarchici procedono secondo la loro strada e stanno lontani da piattaforme centralizzate o che impongano a norma di legge procedure di KYC. Gli imprenditori “maximalist” lavorano ed investono secondo le loro idee, tutti gli altri provano a trovare il loro spazio, a volte riuscendoci, a volte no, e il mercato li giudicherà. Certo, oggi chi si avvicina nella maniera sbagliata (fomo da speculazione) non vede che un modo facile (lo è veramente?) per fare soldi, e della rivoluzione sociale e culturale si perde molto, forse tutto. Proprio per questo abbiamo tutti il compito di educare.

Redazione
Abbiamo voluto organizzare questa intervista proprio perchè siete dei pionieri, in questo paese.
Complimenti, da tutto il gruppo di BitCultura.
Grazie mille per Tinklit, per le comunità, i Meetup e per questa intervista


Pubblico
Ciao Daniele. Volevo chiederti se l’adozione dell’accettazione dei pagamenti in btc sarà proporzionale alla crescita del prezzo di Btc e che ritmo di crescita ti aspetti per il 2020

Daniele Pregnolato
È abbastanza facile pensare come la propensione all’utilizzo (allo spendere) di bitcoin sia proporzionale all’aumento di prezzo

In questi ultimi giorni infatti stiamo avendo un deciso aumento delle transazioni. La sensazione personale è che in Italia i possessori di crittovalute siano ancora in una fase di accumulo.

Per noi l’importante è coinvolgere quante più attività commerciali possibile per trovarci pronti quando tutti noi decideremo di spendere i nostri risparmi e di vivere in bitcoin.


Pubblico
Ci dai una lista di servizi che date con tinkl.It?

Daniele Pregnolato
Il funzionamento di tinkl.it è tanto semplice da essere quasi banale: qualsiasi commerciante, azienda o professionista può decidere da oggi, da subito, di accettare bitcoin senza uscire dalla sua zona di confort, ricevendo euro. A loro tinkl.it si offre a costo ZERO reale, senza costi di attivazione e senza commissioni sulle transazioni. In altre parole se un commerciante emette una fattura di 200€ e la incassa in bitcoin, riceverà da noi esattamente 200€ con un bonifico bancario.

Quindi togliamo di mezzo il rischio di cambio, le difficoltà contabili e fiscali e soprattutto il commerciante non deve scaricare un wallet ed insegnare ai suoi dipendenti ad usare Bitcoin.


Pubblico
Quindi incasso bitcoin ricevo bonifico a fine mese?

Daniele Pregnolato
settimanalmente o entro 48 per importi consistenti, o su richiesta esplicita per necessità del commerciante

Pubblico
Commissioni di cambio? O considerate nel prezzo di bitcoin?

Pubblico
Usate il cambio ufficiale di trt?

Daniele Pregnolato
cambio TRT con circa l’1.5% di commissioni per il cliente pagatore. Abbiamo scelto di far pagare la nostra commissione al bitcoiner e non al merchant, per massimizzare l’adozione e non dare scuse al commerciante.

Pubblico
Il contrario delle carte di credito

Daniele Pregnolato
proprio così 😁

Redazione
Ne parlavamo proprio l’altro giorno con @CriptoLeo. Spostare la commissione sul compratore credo sia una scelta vincente

Daniele Pregnolato
La nostra clientela di riferimento è storicamente abituata, e propensa, a pagare delle commissioni per avere strumenti che aiutino la loro causa.

Oggi dobbiamo coinvolgere l’altra parte del mondo, chi è al di fuori della community, quindi i commercianti. Se poi un domani i commercianti inizieranno ad accettare bitcoin su un loro wallet, allora le commissioni spariranno. Un passo per volta.

Anzi, mi correggo, non “se” ma “quando”


Pubblico
Ciao Daniele! Ti faccio io una domanda su un tema che mi sta molto a cuore: adoption. Secondo te cosa manca, ancora, per raggiungere una diffusione significativa? Intendo: non qualche negozio che accetta cripto solo per farsi pubblicità, ma qualcosa di più simile a Paypal, dove è l’eccezione che non sia accettato

Daniele Pregnolato
Paypal ha creato una piattaforma semplice, garantista per il cliente (meno per il merchant) ed ha speso negli anni milioni per il marketing. Sul primo punto ci stiamo lavorando ma c’è ancora molta strada da fare, sul secondo è la tecnologia bitcoin a essere intrinsecamente sicura per le parti, sul terzo occorre tempo, perchè Bitcoin non ha un ufficio marketing e nemmeno i milioni da stanziare per farlo. Ti sei mai chiesto come mai azienda iper scam sono riuscite a fare ico milionarie in pochi giorni, se non ore? Perchè hanno investito tutto nel marketing. Bitcoin e l’adozione arriveranno più lentamente, con il tempo. Anche se, lasciamelo dire, quello che si è tirato su negli ultimi anni non è poca cosa. Intimamente non speravo, anni fa, che oggi l’adozione fosse a questi livelli, ero più pessimista.


Pubblico
Una domanda a livello fiscale se un cliente paga più di 3000€ chi dei soggetti regista i dati del cliente il merchant o anche voi? Perché sarete voi a bonificare al merchant

Daniele Pregnolato
Il nostro cliente contrattualmente è il commerciante, a cui offriamo il servizio di conversione. Per potersi iscrivere al servizio il commerciante effettua la classica procedura KYC/AML e una volta verificato può operare entro dei limiti sui volumi imposti (ma aumentabili secondo determinati parametri). Inoltre come presidio AML facciamo analisi della transazione bitcoin per appurare che i bitcoin non arrivino da attività illecite o collegate al deepweb. Per transazioni considerate “a rischio” , o per volumi o per categorie di beni, richiediamo una documentazione rafforzata.


Redazione
Grazie Daniele per la disponibilità e per la chiarezza nelle risposte, è stato un piacere averti come ospite 😉

Grazie a tutti per la partecipazione e per le belle domande 👍💪

Daniele Pregnolato
Il piacere è stato mio e se qualcuno nei prossimi giorni avrà ulteriori domande mi può volentieri contattare in privato.

Tags:

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *